Foto di skeeze da Pixabay

Premessa:

IL giorno di San Valentino è un po’ come il giorno della festa delle donne.

C’è sempre chi dice che tanto è soltanto una festa commerciale e blablabla. Tanto ormai ogni scusa è buona per festeggiare.

Che le donne vanno sempre onorate e amate, che l’amore deve essere sempre trionfare. Che sono tutte cazzate  trovate perché così in quel giorno i ristoratori possono aumentare i prezzi, perfino gli escort e le escort aumentano i prezzi. Eh…è San Valentino.

E’ vero, le donne vanno sempre rispettate, così come gli uomini. E l’amore è importante rivalutarlo sempre, tutti i giorni.

Però ogni festa potrebbe avere significato ogni giorno della nostra vita. Ma dedicare un giorno a qualcosa su cui pensare, secondo me, fa bene e serve. E’ utile concentrarsi su qualcosa. Su un sentimento, su un’emozione.

E poi, se non ti va di festeggiare, non farlo. Nessuno ti obbliga.

Bene dopo questa premessa semiseria, parliamo di San Valentino.

amarsi a san valentino

amare ed essere amati

Come festeggiare San Valentino

 

“Amore cosa facciamo a San Valentino?”

“Bah, n.on lo so, potremmo andare al  cinema a vedere un film.”

“Ma no, abbiamo già sky, poi spendiamo troppo.”

“E allora cosa fare a San Valentino?”

Bah, non lo so, potremmo andare a mangiare fuori. Conosco un posticino romantico.

Ma no, è venerdì sera e sarà pieno di gente. E poi non eri a dieta?

Ah, ma allora non sei romantico!

Come no, oggi ti ho scritto ti amo sulla pasta con il formaggio grattugiato, non ricordi?

in ogni caso:

Cosa fare a  San Valentino

Vediamo come vive il giorno di San Valentino

l’adolescente innamorato

L’adolescente innamorato quando inizia febbraio inizia ad avere l’ormone Valentino che inizia ad agitarsi.

“ehi mamma, cosa posso regalare a Tanzania per San Valentino?

Ha inizio così, tutta una serie di piccole attenzioni che lo faranno sentire grande:

Video su instagram e facebook in cui dichiara il suo amore profondo e sincero per lei, mentre da dietro l’amico del cuore gli fa le corna sulla testa. “Dai fra, stai sciallo”che sto facendo un video d’amore alla tipa”.

Ma bisogna organizzare la serata.

“Pa, se vado al cinema con Riondina, tu  mi vieni a prendere dopo”

“Se andassi al cinema, potresti venirmi a prendere”

“Perché vuoi venire anche tu?”

“Va beh, lasciamo stare”.

L’adolescente innamorato, a San Valentino, raggiunge l’apice del rimbecillimento amoroso.

Si alza al mattino e prima di andare a scuola, si guarda allo specchio e si fa il pollice alla Fonzie, dicendo “hei quanto sono figo, stasera donna sarai mia”. Poi apre l’acqua del lavandino per fare finta di lavarsi e si applica 450 ml di profumo “perluomochenondevechiederemaitranneasuamammadovesonolemutande”. Poi guardando lo specchio sussura piano piano “Ehi Gaudenzia,  se non mi ami tu, non amo te, non mi amerò mai e non sarebbero mai amati.

“Se non mi ami tu, non sarò mai amato.Se non amo te, non amerò mai” [cit.]

Va beh , ti amo tanto.

Poi si gira e si loda:”quanto sono figo”.E nelle sua testa, già immagina una cena a lume di candela,

 

L’adolescente innamorato è un po’ come un ormone esplosivo.

Poi però bisogna fare i conti con la realtà. E la realtà economica è che l’adolescente innamorato dipende dai genitori.

Ecco quindi che a malincuore, facendosi i conti in tasca, deve optare per il romanticismo macdonaldiano.

Un hamburger, patatine e cinema. Ovviamente il film non è importante. La cosa importante è stare nelle file in fondo per limonare.

 L’uomo sposato

L’uomo sposato sa cosa fare a San Valentino. L’uomo sposato aspetta il giorno di San Valentino, come un funambolo attende con ansia la fine dell’acrobazia. Non vede l’ora che finisca.

L’uomo sposato finge di ricordarsi di San Valentino fino all’ultimo giorno, poi dice alla moglie che quella sera ha una partita di calcetto con gli amici. La finale. Non può mancare.

Lei:”Come, una partita di calcetto il GIORNO DI SAN VALENTIIIINO?” “Come ti è venuto in mente”

Lui:”Ma no scherzo, Briciolina, figurati se non festeggiamo San Valentino”.

Lei:”Ah bene, Pizzulino mio, cosa facciamo allora?” “Potremmo fare una cenetta romantica io e te. Lasciamo i figli dai tuoi”.

Lui:”Si dai, fammi la trippa, che non la mangio mai”.

Lei:”certo, trippa e fagioli. Vuoi anche una birra e rutto libero?”

Comunque il 14 febbraio lui si presente con rose rosse e scatola di baci perugina.

Poi, con non chalance,  si avvicina all’orecchio della donna e le dice “ciulatina?”

Et voilà……

L’uomo sposato da tanto tanto tanto tempo

S’Anvaletino?

 

quindi cosa fare a San Valentino?

Non importa cosa facciate a San Valentino. Importa il rispetto, la gentilezza e l’amore che donate all’altro.

E tu cosa hai fatto , hai festeggiato?…Viva l’Ammmmoreeeee.

 

Gianluca.